Tuesday, June 25, 2019

BMW T 500 GS


Visto il proliferare di modelli di cilindrata medio/piccola di moto del genere crossover, che spesso e volentieri si rifanno esteticamente al proprio modello di punta ovvero la R 1250 GS, BMW MOTORRAD, potrebbe decidere giustamente di non tralasciare questo interessante segmento, ma di andare invece a presidiarlo con una moto che vanti legittimamente parentela con la suddetta regina.
Approfittando delle collaborazioni con i produttori Cinesi che si occupano della costruzione di motori per alcuni suoi modelli, la Casa Tedesca potrebbe sviluppare una interessante bicilindrica frontemarcia da 500cc. dalle spiccate doti fuoristradistiche, leggera e maneggevole, che andrebbe ad occupare una posizione attualmente assente nella gamma BMW.
Poter entrare in possesso di una "vera" BMW GS, costruita con le specifiche della Casa Madre, esteticamente valida, divertentissima e facile ad una quotazione che seppur superiore alle concorrenti sia comunque avvicinabile, farebbe di sicuro la gioia di molti appassionati  e potrebbe diventare immediatamente  leader del settore.
Per l'occasione in BMW conierebbero una nuova sigla per denominare i modelli con la nuova motorizzazione contraddistinta dalla lettera T.
Aspettiamoci perciò altre esponenti di questa nuova classe oltre alla T 500 GS.

OBIBOI.

Friday, June 21, 2019

KAWASAKI 900 RUE RACER





Come sarebbe una moderna Cafè Racer se pensata e realizzata secondo i gusti, le voglie e le esperienze di un appassionato degli anni 70?
Pensiamo a come un ragazzo di oltre quaranta anni fa senza vincoli economici avrebbe elaborato la sua KAWASAKI 900 Z1 "testa nera"per trasformarla nella Special dei suoi sogni.
Poi prendiamo questi concetti e sottoponiamo a questa cura la moto che per caratteristiche e filosofia le è dichiaratamente più affine e cioè la nuova fantastica Z 900 RS.
Per prima cosa la sospensione posteriore vedrebbe la comparsa di due ammortizzatori al posto del mono originale, il mite e sommesso scarico di serie sarebbe sostituito da quattro tromboncini assolutamente liberi di urlare a squarciagola, manubrio basso e strumentazione all'osso, sovrastrutture in nobile alluminio rigorosamente lavorato a mano, con il serbatoio allungato ,in modo da poter assumere la tipica posizione stesa e la sella con uno striminzito codino.
Ovviamente lucidi cerchi a raggi e corto parafanghino anteriore.
Bandito se non per elementi assolutamente indispensabili , il ricorso a materiali plastici a favore del metallo.
Potrebbe essere così la RACER stradale ideale per i patiti delle Special di gusto classico.
E se gli sguardi ammirati per l'estetica non dovessero essere sufficienti, con quegli scarichi il vostro arrivo sarebbe davvero...plateale!

OBIBOI.

Articolo da
www.superspecialmagazine.com    #12

Tuesday, June 18, 2019

HERO PRETENDER 450



Le Case motociclistiche Indiane, seppur cresciute moltissimo come tecnologia e qualità costruttiva, hanno ancora una sorta di timore reverenziale per i prodotti Giapponesi e Occidentali, e spesso stringono alleanze con Marchi Europei per dar vita a modelli con parti comuni da commercializzare con brand differenti.
Purtroppo succede a volte che la versione studiata per i mercati del vecchio continente abbia notevole successo ( anche in India) mentre quella per il mercato interno,...stenti.
Immaginiamo che questo succeda per una sorta di eccessiva prudenza da parte dei management che ancora non sanno quando e quanto "osare"nel proporre prodotti nuovi.
Proviamo ad ipotizzare come potrebbe essere un nuovo modello del colosso HERO, che dovesse insidiare il successo di immagine della moto probabilmente tra le più desiderate dai giovani Indiani, frutto proprio di una di quelle alleanze di cui abbiamo detto.
Sicuramente dovrebbe avere un aspetto decisamente aggressivo, estremizzando un po gli stilemi tipici delle naked sportive, poi componentistica di pregio ( sta crescendo la sensibilità per  i nomi famosi di freni e sospensioni) e poi un motore ...bomba, da 450 cc. quattro valvole, dalla potenza esplosiva e di certo superiore alla ...concorrenza, non per niente  si chiamerebbe PRETENDER.
Scordare completamente le "scorciatoie" economiche di pezzi di scarsa fattura e dare al mezzo quell'arrangiamento finale che faccia innamorare l'appassionato.
Facile a dirsi, ma ai costruttori Indiani non mancano certo le risorse per poterci riuscire....realmente.

OBIBOI.

Monday, June 17, 2019

ITALMOTO 250 V2 CLASSIC RACER

Nel  segmento delle moto di cilindrata ridotta e dal prezzo economico, combattuto perlopiù da Case che attingono i loro modelli dal vasto panorama dei costruttori Cinesi o Taiwanesi, potrebbe presto esserci una evoluzione....creativa!
Nel senso che,se fino ad oggi bastava appiccicare l'adesivo con il proprio Marchio sul serbatoio di questo o quel modello acquistato cash & carry in Cina per poi proporlo nei mercati occidentali, in futuro ci sarà una sorta di "personalizzazione alla base", per cui data una piattaforma tecnica abbastanza comune, chi vorrà, potrà dare ai modelli che intenderà importare, una veste estetica studiata ad hoc.
Ci sarà quindi una sorta di lotta all'ultimo sangue per cercare di proporre moto esteticamente...belle, senza far crescere troppo il costo di realizzazione e di conseguenza il prezzo finale alla clientela.
Ovviamente chi sarà il più bravo ad interpretare i gusti degli appassionati avrà migliori soddisfazioni economiche rispetto agli altri.
Un esempio di quello che si intende potrebbe essere questa ipotetica ITALMOTO ( Marchio Italiano di moto, scooter ed E-bike), appositamente studiata dagli specialisti di BIG SUR Motorcycles per dare al mezzo prodotto da LONGJIA e commercializzato da diversi Brand in tutto il mondo, una linea estetica più appagante e coinvolgente rispetto all'originale, attingendo agli stilemi delle moto da competizione Italiane degli anni 60, tanto da meritare il nome CLASSIC RACER.
In questo caso, oltre alle sovrastrutture, si è intervenuto anche sulla misura della ruota posteriore , adottando un cerchio da 17" in sostituzione dell'incomprensibile 15" d'origine.
Per il resto tecnicamente la moto rimane la stessa, anche se assolutamente irriconoscibile dato il notevole grado di...nobilitazione,  ricevuto.
Il futuro ci dirà fino a dove questo inevitabile processo spingerà costruttori ,commercianti e importatori vari per avere l'anelato successo commerciale.

OBIBOI.

Friday, June 14, 2019

MALAGUTI CAVALCONE 300


Il Gruppo Austriaco KSR detiene da alcuni mesi lo storico Marchio Bolognese MALAGUTI ( che chiuse i battenti delle sedi storiche nel 2011), commercializzando motociclette da 125cc. di diverse tipologie.
Ottimi veicoli , ma perlopiù realizzazioni di qualche annetto fa di un grande Gruppo Italiano, che debitamente rinnovati in qualche componente e rimarchiati MALAGUTI, vengono proposti al pubblico Europeo.
Tuttavia è lecito attendersi nuove proposte da parte della proprietà, in modo da rivitalizzare il Brand e inserirsi in nuove nicchie di mercato.
Ad esempio una moderna scrambler monocilindrica da 300 cc. , facile e leggera, esteticamente accattivante e adatta davvero ad un ampio spettro d'uso.
Tecnicamente evoluta anche se non particolarmente sofisticata, potrebbe essere la moto adatta per i neofiti, le ragazze o per chi semplicemente vuole spostarsi in motocicletta senza stress.
Il nome scelto potrebbe essere CAVALCONE, come un apprezzato cinquantino da fuoristrada della Casa.
E certamente sulla stessa base tecnica altri generi di moto potrebbero prendere vita in futuro.

OBIBOI.

Wednesday, June 05, 2019

YAMAHA SUPER TENERE' 1000



Una ipotesi molto affascinante, potrebbe essere quella che YAMAHA, dopo aver fatto penare per molto tempo gli appassionati prima di commercializzare la TENERE' 700, doppiasse immediatamente il colpo presentando una bellissima cross over sportiva..... tricilindrica!
Il motore sarebbe quello delle MT-09/XSR incrementato nella cilindrata fino a 1000cc., mentre la ciclistica si svilupperebbe attorno ad una struttura anch'essa simile ai suddetti modelli, ovviamente rivista e irrobustita in vista della diversa tipologia d'uso.
Tutto il TOP per ruote sospensioni e freni, per quella che si porrebbe come serissima pretendente al trono delle maxi enduro.
Particolare attenzione al peso in quanto le prestazioni nel fuoristrada serio, decisamente superiori a tutta la concorrenza, sarebbero state poste come uno degli obiettivi del nuovo modello.
Questa SUPER TENERE' si presenterebbe molto professionale , dalle forme moderne e pragmatiche, tali da suggerire immediatamente le altissime potenzialità , la robustezza a tutta prova e la qualità costruttiva!
Prezzo,...adeguato al valore effettivo del mezzo.
Attendiamo speranzosi.

OBIBOI.

Friday, May 31, 2019

MOTO MORINI 3 e 1/2 SPORT CONCEPT

E se la "ideale" erede della mitica MOTO MORINI 3e1/2 SPORT fosse una...3e1/2?
I nuovi proprietari Cinesi del glorioso Marchio Italiano, potrebbero decidere di affiancare alla gamma delle bicilindriche da 1200cc, una nuova serie di modelli di cilindrata medio piccola per ampliare il pubblico ed affacciarsi anche su mercati dove il downsizing è visto in maniera molto positiva.
Certamente questa nuova famiglia non potrà giovarsi di un motore bicilindrico come la storica media Bolognese, ma di sicuro il nuovo monocilindrico potrebbe giovarsi delle attenzioni e consulenze del mitico Franco Lambertini ed essere perciò un propulsore di assoluto livello.
Tutta la moto poi , oltre a ricordare stilisticamente da vicino la Sport dei tempi andati, godrebbe di componentistica di pregio, per dar vita ad un modello di qualità superiore.
Molto sobria ma estremamente ben costruita, strutturalmente ben conformata per tutte le taglie, questa prima ,totalmente nuova MOTO MORINI, dovrebbe essere il biglietto da visita  delle intenzioni estremamente serie che la nuova gestione ha per il Marchio.
Il popolo Morinista attende fiducioso!

OBIBOI.