Tuesday, March 13, 2007


MOTO GUZZI "Stornello 850"


L'apertura di una terza linea motoristica potrebbe dare nuova linfa e vitalità allo storico marchio
Italiano.

Un bicilindrico a V longitudinale ereditato da "mamma" PIAGGIO, darebbe il via a una gamma di prodotti per una clientela più giovane e di tendenza.

Uno di questi prodotti potrebbe essere questo Stornello 850, svelto Street Scrambler dotato di componentistica all'avanguardia non disgiunta da un look tipicamente MOTO GUZZI.

Il nome è solo un omaggio ad uno storico modello della Casa di Mandello e non un remake , anche perchè motociclette di simile fattura ai tempi dello Stornello non erano nemmeno ipotizzabili.

Sulla stessa meccanica si possono declinare svariate tipologie di moto per soddisfare i gusti più diversi.


OBIBOI.

6 comments:

Anonymous said...

Io lo stornello l'avevo , era una mezza cag....
Questo mi sembra un'ottima idea per svecchiare il marchio.
Bella, complimenti.
W la MOTO GUZZI.


Emilio o.

Gianfranco R. said...

ciao!!sono un nuovo estimatore di questo sito... complimenti... sei davvero bravissimo... e lo stornello è fantastico....

Buddy said...

I'm afraid that I don't like it. The bike isn't Moto Guzzi at all. Guzzi make longitudinal air cooled V twins, and this isn't that most fundamental of Guzzi elements. It's nice, but it's not Guzzi.

Buddy

Nicola said...

Buddy ha ragione, però dopo aver visto montato parte della strumentazione guzzi sul beverly cruiser(Brividi), l'idea non è male, magari lanciamo anche una serie nuova di motozappe... sai c'era l'agricola...

Anonymous said...

una Guzzi col bicilindrico longitudinale non mi convince...

invece perché non provi a fare qualche esperimento su un nuovo "nuovo" falcone?

un mono 500, magari anche raffreddato ad aria, *orizzontale* e volendo anche col volano in vista come una volta...

sarebbe una moto bassa, comoda, leggera, economicissima, indistruttibile... adatta anche ai mercati asiatici ed africani, e sicuramente in linea con le norme anti inquinamento più severe.

con delle sospensioni un po' morbide (tanto mica va in pista...) ci si potrebbe anche fare qualche sterrato. in fondo il falcone lo usavano anche in guerra!

SawickiGuz said...

D'accordissimo con l'idea post falcone!!!

Vediamo di andare un po in controtendenza, mi sembra che stia diventando difficile progettare moto semplici che non puntino tutto sull'esasperazione delle prestazioni, (tanto non è il caso della Guzzi) qiundi tornare indietro reinterpretando (bene) potrebbe essere una buona strada, altrimenti usate nomi nuovi la' in progettazione Aprilia!
GUZZI A MANDELLO!!!

Nicola.